Vertenza S. M. della Pietà

14 anni

Se la "politica"
ci stacca la corrente
noi fcciamo più iniziative!

Senza corrente, libera e pubblica cultura:
2017 Nov - Dic
2018 Gen - Feb - Mar Apr - Mag - Giu - Lug AgoSet - OttNov - Dic
2019 Gen - Feb - Mar

Appello alla cittadinanza

Roma, 6 Marzo 2018

Con questo comunicato cerchiamo di riassumere quello che sta succedendo oggi...
continua a leggere...

Per me odioso, come le porte dell'Ade, è l'uomo che occulta una cosa nel suo seno e ne dice un'altra.

Omero

Iniziative

20100708assembleagiovedì 8 luglio alle ore 17,30

ASSEMBLEA PUBBLICA SUL S.MARIA DELLA PIETA'
pad. 31 S.Maria della Pietà

Dopo le polemiche delle ultime settimane, l'Associazione Ex Lavanderia lancia un'Assemblea pubblica sul futuro del S.Maria della Pietà.
Ad oggi l'Università La Sapienza ha rinunciato ad acquistare gli 8 padiglioni previsti dal Protocollo di Intesa 2007.
Non sembra probabile che la Sapienza torni indietro anche perché i problemi addotti dal Cda universitario sono ancora tutti presenti.
Ma al di là di questa considerazione sentiamo il dovere pubblico di riparlare dell'intero comlesso del S.Maria della Pietà. La propaganda sul "Campus Universitario", infatti, ha permesso che, nel silenzio della politica e dell'informazione si realizzasse un uso arbitrario e sbagliato di gran parte del complesso S.Maria della Pietà.
Dopo il rifiuto dell'università la possibilità che si concluda nel peggiore dei modi la vicenda è drammaticamente concreta.
Le azioni di chi continua a vagheggiare fantasmagorici poli universitari è solo un modo per perdere ulteriormente tempo e lasciare agio alla ASL RME di continuare la sua pratica privatistica e devastante.
Per questo invitiamo tutte le associazioni ed i cittadini sensibili a partecipare a questa assemblea con l'obiettivo di rilanciare le proposte che da 15 anni immaginano l'Ex Manicomio come un luogo pubblico di promozione culturale ed artistica Il Centro Storico di Roma Nord. Un luogo di inclusione e di ricostruzione dei vincoli comunitari.
E' un'impresa difficile e controcorrente ma che possiamo realizzare insieme.

20100912palladinodomenica 12 settembre alle ore 21.00

La battaglia di Roma
di e con Pierpaolo Palladino

musiche di Pino Cangialosi
eseguite dal vivo
Benedetto Biondo, tromba
MariaTeresa Martuscelli, tastiere

La battaglia di Roma di Pierpaolo Palladino notato per il suo racconto sulla Resistenza antifascista, a Roma, oggi quanto mai necessario. Una trascrizione epica di episodi profondamente umani, cui l'autore e attore aggiunge una solida presenza nel costante confronto con la partitura musicale.

presentazione
"Come fò mò io a spiegà lo stroligà de la capoccia li straveri dell'anima quanno li minuti che passaveno ereno macigni de Sisifo e tutti guardavamio all'imbocco de via Ostiense come ar fiume de Caronte: erimo lì sospesi, tra la croce de San Pietro e er martirio de San Paolo, potendo passà a la storia o scomparì ner burone de la guera: quinnici secoli che Roma nun veniva conquistata dar sud, quinnici secoli e toccava proprio a noi difennela ? Tu vedi la scalogna!"

In scena un attore solo, che racconta una storia da lui scritta in versi. Versi liberi, ispirati dalla struttura stessa del romanesco, per rievocare una giornata emblematica, il 10 settembre 1943, due giorni dopo l'armistizio, quando fu combattuta a Roma la più grossa battaglia sul suolo nazionale tra l'esercito regolare italiano e le armate tedesche. Carabinieri, Bersaglieri e Granatieri, di stanza nella capitale, si ritrovarono da soli ad affrontare la reazione degli ex alleati comandati da Kesserling e desiderosi di vendicarsi del tradimento italiano. I fatti storici e i sogni privati dei compagni d'arme sono rievocati in questo testo/racconto, partendo dalla descrizione delle strade bombardate dagli americani fino al luogo della battaglia, che ebbe il suo epicentro davanti alla porta di San Paolo. Una galleria di volti del popolo e dei soldati, di volta in volta smarriti o coraggiosi, in un vortice di vita e morte come solo in guerra, in questa come in qualsiasi altra, si è costretti ad affrontare. Una battaglia che segnò l'inizio della resistenza romana, dalla cui esperienza nacque il primo germe della seconda rivoluzione istituzionale della città: dal Papa Re alla monarchia Sabauda la prima, e dalla monarchia Sabauda alla Repubblica italiana la seconda.
Pierpaolo Palladino

È visibile un promo dello spettacolo sul sito www.raccontiteatrali.it

Ufficio stampa Fiammetta Baralla 3332015944
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

20101205buiodomenica 5 dicembre ore 20:30

con Romina Bufano e Chiara Papanicolaou
drammaturgia e regia Marianna Di Mauro

Due donne, amiche d'infanzia, si ritrovano dopo anni. Motivo dell'incontro è raccontarsi, sapere cosa è successo nella vita di entrambe durante il lungo tempo in cui non si sono viste. È così che prende corpo un microcosmo profondamente femminile, scandito da ricordi e presenze altre madri, mariti, figli in una dimensione temporalmente astratta in cui gioco e spensieratezza sono ancora possibili, forse come non mai. Marta e Valeria non
sono oggi quello che avrebbero voluto diventare. Solo al buio saranno libere di esprimere se stesse. Forse.

Nell'oscurità ogni apparenza e ogni valore materiale vengono annullati. Così è più facile parlare, raccontarsi, ammettere una verità. Due corpi molto diversi si muovono e si cercano in un luogo ad entrambi sconosciuto, metaforicamente in ristrutturazione come le loro stesse esistenze. Mi interessava fermare questo momento di rivelazione e profonda presa di coscienza che potrà condizionare le due vite in gioco, o forse no. I tentativi di trovare un interruttore per spegnere o accendere la luce scandiscono il ritmo dell'incontro ed un agire scanzonato e sgangherato, a segnare il viaggio nella vita di due donne e nei loro sogni irrealizzati.

Info e prenotazioni: tel. 328.0542194 - 338.8695866
Ingresso a sottoscrizione

Il collettivo teatrale NUOVE OFFICINE.laboratorio Babs fin dall'inizio della sua attività, cerca una propria originalità di visione ponendo l'attenzione sulle contraddizioni e preoccupazioni della sua generazione.
Nella continua ricerca di rinnovamento non smette di interrogare il presente puntando su una comunicazione allusiva, ironicamente trasversale. Prova a sporcarsi le mani con le cose del mondo utilizzando un immaginario quotidiano.
La necessità di creare un gruppo di lavoro è nata dal fortissimo desiderio di dar corpo e voce alle inquietudini, alla creatività e ad una personale visione del mondo e delle cose che ci accadono intorno.
Il percorso di creazione è lungo, tortuoso, improvviso. Nulla è dato per scontato, nessun gesto e nessuna parola. Non è un teatro politico, ma sicuramente un teatro costruito a partire dalle nostre idee e di tali idee è pregno, per cui vivendo fortemente il presente alludiamo necessariamente alle difficoltà in esso presenti e al rifiuto della banalità e dell'omologazione.

Il collettivo nasce dalla volontà dei suoi fondatori Marianna Di Mauro e Roberto Polito. Caratterizzati da esperienze professionali differenti ed entrambi accomunati dalla volontà e dal desiderio di fare del teatro un fertile terreno di ricerca, di comunicazione e di incontro inteso anche come collaborazione con artisti provenienti da altre formazioni non necessariamente teatrali.
La messa in scena è intesa non solo come manifestazione dell'idea di un attore o di un regista ma anche come contaminazione tra menti differenti ed altri linguaggi. Musica, danza, fotografia, video, materiali scenici nati dalla manipolazione di mani sapienti di artisti che collaborano con il collettivo.
Il lavoro è il risultato di un punto di partenza, mai di arrivo.
Ciò che sarà manifesto agli occhi del pubblico è il duro e costante impegno di giovani menti accomunate da una forte passione e creatività, dalla volontà di non arrendersi, nonostante tutto.

20100521romaliberatavenerdì 21 maggio 2010 dalle ore 14.30

Ore 14,30 Spettacolo Teatrale per bambini “Pinocchio”
Ore 16,00 Presentazione “Premio Basaglia”
Ore 16,30 Spettacolo Teatrale compagnia “La voce della Luna”
Ore 17,00 Intervento Trio Medusa
Ore 18,00 Monologo di Ascanio Celestini
Ore 21 proiezione della docufiction "Follia ieri oggi domani"
Ore 21,30 Concerto Pad 31, Banda Jorona, YO YO MUNDI

Dalle ore 15,00 partirà una banda musicale che percorrerà le vie del quartiere per giungere all'interno del Comprensorio S. Maria della Pietà. All'interno della festa sarà allestito uno spazio ristorazione.

Sportello Banca del tempo

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter