Vertenza S. M. della Pietà

14 anni

Se la "politica"
ci stacca la corrente
noi fcciamo più iniziative!

Senza corrente, libera e pubblica cultura:
2017 Nov - Dic
2018 Gen - Feb - Mar Apr - Mag - Giu - Lug AgoSet - Ott

Appello alla cittadinanza

Roma, 6 Marzo 2018

Con questo comunicato cerchiamo di riassumere quello che sta succedendo oggi...
continua a leggere...

Pieta’ per la nazione i cui uomini sono pecore
e i cui pastori sono guide cattive
Pieta’ per la nazione i cui leader sono bugiardi
i cui saggi sono messi a tacere

Read more ...

Per adesoni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

APPELLO
per fermare il Protocollo tra Regione, Comune, Città Metropolitana e Asl Rm1

Primi firmatari:
Abraxa Teatro, compagnia teatrale, Francesca Farcomeni, Elena Vanni, Noemi Parroni, Elena Dragonetti ( A.R.E.M. Agenzia Recupero Eventi Mancanti), Associazione Tdl (Teatro del Lido), Giovanni Alfieri (attore, musicista), Tamara Bartolini e Michele Baronio (Compagnia teatrale), Michela Becchis (critica e storica dell'arte), Ulisse Benedetti (Beat72, Teatro Tordinona), Enrico Bernard (drammaturgo, editore, giornalista), Benedetta Boggio (presidente Associazione Rosa Shocking, socia 369gradi), Valerio Bonanni, Gianluca Riggi (Officina di Teatro Sociale Black Reality), Riccardo Cannaniello (attore, danzatore),  Michele Citoni, (regista cinematografico), staff Teatro Furio Camillo, Giovanni Gentile e Barbara Grillli (Teatro Prisma), Daniela Giordano (attrice, regista), Raimondo Guarino (professore Discipline dello Spettacolo Università Roma Tre), Fabiana Iacozzilli ( La Fabbrica), Sebastiano Patanè (poeta), Gianluca Polverari (regista, dj e conduttore radiofonico), Fabrizio Scrivano (Professore Letteratura Italiana Università di Perugia), Maria Cristina Zerbino (autrice, attrice)

Da 15 anni, nella Ex Lavanderia del Santa Maria della Pietà sono ospitati associazioni e artisti che con incontri, prove, laboratori o spettacoli crescono la loro urgenza espressiva, nel confronto con il pubblico e con lo spazio che si abita. Uno spazio di “manicomio liberato”, con storie di donne ed uomini, con il vissuto dei “matti”, degli infermieri e dei medici. Per questo il Santa Maria della Pietà è un luogo unico, perché per gli artisti come per il pubblico la moltiplicazione di senso, di dolore e di desiderio di inventare nuovi mondi non prescinde mai dagli eventi che si propongono. Tutto torna a galla ad ogni incontro di arte contemporanea, di poesia, di musica, di danza o di teatro. Tornano i racconti dei primi cancelli aperti, delle feste da ballo, del teatro terapeutico, il padiglione dei pittori, i murales, i cortei creativi.
Le storie raccontate nei libri, nei film, in teatro.
Una storia potente. Un luogo che rimanda memoria e senso.
Per 20 anni abbiamo partecipato alla reiterazione del ricordo e ai temi nuovi che scaturivano dal magma simbolico di un luogo così. La cultura è stata, è, nel S. Maria della Pietà dove ogni edificio, ogni mattone trasuda storie antiche e nuove ipotesi.
Per 20 anni qualcuno ha immaginato che si potesse “entrare fuori e uscire dentro”.
Le donne e gli uomini liberati dall’istituzione totale nella città che li aveva reietti.
La città dentro, con i bisogni, le idee, la follia sana della creatività e dell’immaginazione.
E abbiamo vissuto, con l’arte, lo spettacolo, la musica quel progetto, fin da quando ancora molti pazienti erano nei padiglioni, e poi, nelle esperienze promosse dall’associazionismo.
Molti di noi hanno sostenuto la Proposta di Legge di Iniziativa Popolare “si può fare”, per fare del S. Maria della Pietà un luogo di cultura, socialità, partecipazione.
Un Polo culturale al S. Maria della Pietà.
Oggi sosteniamo che l’ex Manicomio di Roma non debba  essere trasformato in un nuovo concentrato di malattia e dolore, di disagio e medicalizzazione. Perché i luoghi hanno un senso e, il Manicomio doveva e deve diventare l’opposto di se stesso. Non certo un nuovo ospedale.
Ma questo, purtroppo, sembrerebbe il destino segnato dalle scelte istituzionali che si stanno facendo, buttando a mare 20 anni di progettazioni, proposte, esperienze di partecipazione.
La Regione Lazio e la ASL Roma1, con il loro piano di città sanitaria, stanno ignorando la storia e i bisogni della città. Senza alcun senso, accatastano alla rinfusa servizi sanitari ed ospedalieri in un’area della città già sovraccarica di sanità ed assolutamente priva di spazi culturali.

Ci schieriamo a difesa di chi ha difeso e preservato un avamposto di cultura libera e pubblica al Padiglione 31.
Difendere la Ex Lavanderia significa difendere le centinaia di compagnie, artisti, musicisti che hanno trovato un luogo per esprimersi e creare e le migliaia di cittadini che hanno potuto ascoltare, sentire, pensare grazie ad essi. Per Alda Merini e per Mario Schifano, ma anche per i giovani artisti contemporanei che hanno condiviso un pezzo del loro percorso artistico con il pubblico della Ex Lavanderia noi ci schieriamo.
Ma è l’intero S. Maria che può e deve rappresentare un esperimento inedito di progettazione dal basso.
La città della cultura e della partecipazione. Questo è il piano che vogliamo.

Contiamo sulla tua adesione
Carla Romana Antolini
Comunicazione Associazione Ex Lavanderia
3939929813

Orario apertura attività

-Ufficio-
Lunedì, Mercoledì e Giovedì dalle 15:00 alle 19:00
Tel.: 3914963020
-Caffetteria Tatawelo-
Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 17:30
Sabato dalle 10:00 alle 17:30
-Banca del tempo-
Martedì e mercoledì dalle 10.00 alle 12.30
-Cartapesta-
Sospensione estiva
-Ciclofficina Popolare-
Sabato dalle 10:00 alle 14:00
-Danze Popolari-
Sabato dalle 15:00 alle 17:00
Domenica dalle 10:00 alle 12:00
-Hata e Vinyasa Yoga-
Martedì 17:30-18:30
-La Marinera-
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Sabato dalle 10.00 alle 13.00

-Meditazione-
Mercoledì dalle 19:00 alle 21:00
-Movimento integrato-
Lunedì dalle 20.30 alle 21.45
-Percussioni e ritmi brasiliani-
Martedì 21:00-23:00 (orchestra)
Mercoledì 21:-23:00 (laboratorio)


Sportello Lavoro Over 40

D'amore si vive

Rassegna cinematografica
da venerdì 16 novembre 2018
a venerdì 8 febbraio 2019

Umane scintille

Basaglia 1978/2018 - 40 anni di R-Esistenza

Giornate Basagliane
40° anniversario della Legge Basaglia:
4 giorni di dibattiti, spettacoli, musica e film.

Manifestazione al Campidoglio

Sabato 06 Ottobre 2018
ore 17:00
P.zza del Campidoglio

3 Appelli per il S. M. della Pietà

Per fermare il Protocollo tra Regione, Comune, Città Metropolitana e Asl Rm1:

Appello delle realtà
che si occupano
di salute mentale

Appello degli urbanisti

Appello degli artisti
e delle realtà culturali

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter