Vertenza S. M. della Pietà

13 anni

Che GuevaraChi lotta può perdere.
Chi non lotta ha già perso.

Ernesto Guevara

Venerdì 17 Novembre 2017 alle ore 21:00

Rovine del tempo.
L’immaginario incontro di Anna Banti con Artemisia Gentileschi

con Teresa Ruggeri
regia di Julia Varley
testo di Teresa Ruggeri e Julia Varley

Nordisk Teaterlaboratorium in co-produzione con Rainbow & Nest Theatre

Costumi: vestito verde realizzato da Arianna Pioppi e Medea Labate
Oggetti: Teresa Ruggeri e Mollishop.com
Fotografia: Federica Zhou - FYZ@
Organizzazione: Selene D'Agostino

Si ringraziano: Luca Ruzza per la collaborazione alla scenografia; Claudio Coloberti per la collaborazione ai video; Dorthe Kærgaard per i disegni Germano Satiri per la collaborazione al sound; Chiara Crupi per le riprese.

Uno spettacolo visionario in forma di conferenza. In scena una sola attrice che si trasforma continuamente davanti agli occhi del pubblico da un personaggio all’altro.
Tre i personaggi: Artemisia Gentileschi (1593 - 1653), pittrice di scuola caraveggesca, donna indipendente e originale che dovette subire un processo per lo stupro di cui fu vittima a 17 anni; Anna Banti, moglie del celebre critico d’arte Roberto Longhi, che smarrì durante il bombardamento di Firenze nel 1944 il manoscritto su Artemisia; una conferenziera dei giorni nostri, ansiogena e ritardataria.
E una domanda: può una donna condurre la sua vita e il suo bisogno d'amore senza conflitti con il ritmo del tempo, e insieme avere un posto nella società e nella storia che le sia congeniale senza essere ostacolata da pregiudizi, violenze e sensi di colpa?

Lo spettacolo è tutto condotto dall'attrice in scena, una vera sfida: luci, proiezioni video, musiche, cambiamenti di scena. Senza bisogno di tecnici né prima, né durante, né dopo lo spettacolo, una macchina teatrale autosufficiente ma semplice, nonostante la presenza di tecnologie e di un linguaggio decisamente contemporanei.

“Ruggeri , come è nella storia di Varley e del Terzo Teatro in genere, usa il corpo: il gesto, i costumi, le luci, il poco spazio di cui dispone”
Franco Cordelli, Corriere delle Sera 12 aprile 2015
“Il lavoro fisico dell’attrice e le immagini che lei stessa crea con una perizia tecnica straordinaria (…) mostra di aver imparato la lezione “fantastica” del teatro dell’Odin, ma anche quello del suo rigore tecnico.”
Anna Bandettini, Repubblica.it Blog, 21 aprile 2015

Come sempre ingresso ad offerta libera,
a sostegno della vertenza per il riuso pubblico, sociale e culturale dell'ex manicomio di Roma S. M. della Pietà.

Aiutaci invitando i tuoi contatti all'evento su Facebook

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter