Vertenza S. M. della Pietà

Pagina Facebook

Canale video

malcolmxSe non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono.

Malcom X

Comunicato stampa 15 giugno 2017

Accanimento terapeutico: la terapia elettrica ai tempi di Tanese

La ASL Roma 1 risponde con una lettera alle richieste di intervento tecnico dell'ExLavanderia in merito al distacco della luce.
O meglio, non risponde affatto sull'interruzione nella fornitura di corrente elettrica ma si limita a richiedere e a pretendere il pagamento dell'energia presuntivamente consumata in passato.
Su questo tema si pronuncerà nei prossimi mesi un giudice del Tribunale di Roma stabilendo se la ASL sia o meno proprietaria degli immobili del Santa Maria della Pietà.
In ogni caso l'Associazione ExLavanderia ha più volte ribadito, anche formalmente nelle sedi processuali, la propria disponibilità ad attivare un contratto che consenta di pagare i consumi sostenuti, soluzione che non è stato finora possibile perseguire in assenza di uno specifico ed autonomo contatore elettrico per il Padiglione 31.
Il contratto stipulato dalla ASL con l'Azienda fornitrice, infatti, prevede consumi complessivi per l'intero comprensorio che includono, insieme ai consumi per l'illuminazione, le spese per il riscaldamento e quelle per gli ascensori.
Peccato che al Padiglione 31 il riscaldamento e l'ascensore non abbiano mai funzionato e parte dello stesso padiglione sia occupato da impianti e servizi tecnici nella piena disponibilità della stessa ASL e a supporto dell'intero comprensorio.

Ricordiamo che in passato, l'ExLavanderia aveva potuto stipulare contratti per la fornitura elettrica in occasione di singoli eventi, addirittura patrocinati dal Comune e dalla stessa ASL!!!

Prima le denunce penali, dalle quali siamo sempre stati assolti; poi le richieste di rimborsi astronomici e del tutto infondati per le utenze di consumo; ora il prepotente e arbitrario distacco - si badi bene, NON guasto tecnico - della corrente.
Il fine perseguito è sempre lo stesso: cercare di stroncare in qualunque modo la ultraventennale vertenza sull'uso pubblico, sociale e culturale dell'Ex manicomio di Roma.

Ma, come si e' visto in queste settimane   #NOINONCISPEGNIAMO