Roma, 18 maggio 2015

“Il trasferimento della sede municipale a Forte Trionfale è un grave errore. La sede naturale dell’Istituzione di prossimità era ed è la Centralità Urbana del S. Maria della Pietà”. Lo dichiara Massimiliano Taggi, presidente dell’Associazione Ex Lavanderia.

“Il trasferimento dei servizi dall’Ex Manicomio al Forte non sarà per niente a costo zero - continua Taggi - e sarà una spesa che andrà ad aggiungersi agli affitti devoluti dal Comune alla ASL, su cui torniamo a chiedere chiarezza”.

“Resta l’innegabile verità che a fronte della ‘comodità’ per i quartieri più agiati, sarà creato un disagio per gli abitanti delle estreme periferie, che avranno ben più difficoltà a raggiungere gli uffici municipali. E questa è una scelta classista”. Sottolinea il presidente dell’Ex Lavanderia.

“Inoltre, se adesso si svuotano i padiglioni del S. Maria della Pietà, diventa probabile il loro accaparramento da parte della ASL RME secondo quello che è il proprio stile di sempre”. Colpevolmente - denuncia il presidente Taggi - la Regione Lazio non ha applicato le sue Leggi (L.R. n. 14/2008) e non ha ancora inserito nel proprio inventario i padiglioni utilizzati dal Municipio”. 

“Le proposte di Iniziativa Popolare - insiste dall’Ex Lavanderia - mantengono la gestione di quei padiglioni al Comune di Roma secondo i propositi espressi dello stesso Presidente Barletta e dall’Assessore Caudo. Se quei propositi sono sinceri, chiediamo a Comune e Municipio di non trasferire gli uffici dal S. Maria della Pietà fino a che non sarà definitivamente chiarita la loro destinazione e le modalità di gestione”.

“Diventa ora urgentissimo - conclude Massimiliano Taggi - discutere ed approvare sia la Delibera Comunale, sia la Legge Regionale di Iniziativa Popolare, unici strumenti rimasti, in una corsa contro il tempo, perché il S. Maria della Pietà non subisca l’ultimo affondo che lo sottragga all’uso civico e condiviso”.

Associazione Ex Lavanderia
www.exlavanderia.it

Contatti stampa:
Anna Maria Bruni
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
tel 347 330 5937