Vertenza S. M. della Pietà

14 anni

Se la "politica"
ci stacca la corrente
noi fcciamo più iniziative!

Senza corrente, libera e pubblica cultura:
2017 Nov - Dic
2018 Gen - Feb - Mar Apr - Mag - Giu - Lug AgoSet - OttNov - Dic
2019 Gen - Feb - Mar

Appello alla cittadinanza

Roma, 6 Marzo 2018

Con questo comunicato cerchiamo di riassumere quello che sta succedendo oggi...
continua a leggere...

Che GuevaraChi lotta può perdere.
Chi non lotta ha già perso.

Ernesto Guevara

lavanderiaoccupata34

2004

27 marzo
Un'Assemblea promossa dal Comitato Promotore vede la partrecipazione di oltre 200 persone. Vengono invitati tutti i Consiglieri Comunali e altri rappresentanti Istituzionale. Partecipano ed intervengono a sostegno dell'iniziativa oltre ai rappresentanti di molte associazioni, l'Assessore Luigi Nieri, i Cons. Comunali M.Bartolucci (DS), Adriana Spera (PRC) Silvio di Francia (Verdi); i Cons. Regionali Giulia Rodano (DS), Alessio D'Amato (PdCI), Angelo Bonelli (Verdi); Il Co

ns. Provinciali M.Cervellini (DS), i Parlamentari Loredana De Petris, Paolo Cento, Elettra Deiana, Roberto Sciacca
marzo
In una Conferenza Stampa , alcuni Consiglieri Comunali (Bartolucci, Galeota, Spera), denunciano la trasformazione della destinazione d'uso di 2 dei 4 padiglioni dell'Ostello della Gioventù da parte della ASL.
aprile
La ASL RME colloca all'interno del padiglione 9 (ristrutturato con i fondi del Giubileo e destinato ad Ostello) una Comunità psichiatrica.

Nell'altro padiglione (5) viene collocato un servizio materno-infantile
giugno
In un'iniziativa pubblica al S.Maria della Pietà, Giulia Rodano, Cons. Regionale DS presenta la bozza di proposta di Legge Regionale che propone la cessione del S.Maria della Pietà al Comune di Roma. Il Comitato Promotore denuncia l'operato della ASL RME rilevando come il numero dei padiglioni disponibili ad un progetto sociale e culturale si sia ridotto a 9 su 34.
Nel frattempo scadono 6 mesi previsti dallo Statuto del Comune di Roma per la discussione della Delibera. In un appello al Sindaco , una serie di personalità cittadine chiedono che si faccia garante delle regole e intervenga perché la Delibera sia messa in discussione.
La Regione annuncia che in un padiglione del S.Maria della Pietà si realizzerà un Ospice per malati terminali (pad. 22)
ottobre
La ASL continua il processo di smantellamento degli ostelli. Anche negli ultimi 2 padiglioni destinati a tale uso (11-15) iniziano i lavori e gli arredi vengono trasferiti altrove. Circola la notizia dello spostamento di uffici ASL anche al Padiglione 31, la Ex Lavanderia ristrutturata con i fondi pubblici del Giubileo per essere un Centro Culturale. Anche al Padiglione 31 gli arredi sono spariti.

La Ex Lavanderia

15 ottobre
oltre 100 cittadini e rappresentanti di associazioni prendono possesso del padiglione 31 per difenderne l'uso culturale legittimo e per rilanciare la battaglia per l'uso culturale del S.Maria della Pietà.
13 novembre
In un'Assemblea pubblica presso la Ex Lavanderia, tutti i capigruppo regionali del Centro Sinistra, prendono posizione per l'acquisizione comunale del Comprensorio e contro l'utilizzo sanitario promosso dalla Giunta Storace. Viene presentata in tal senso una proposta di Legge.
14 novembre
Action e Coordinamento di Lotta per la Casa, con circa 30 famiglie, occupano i padiglioni 11 e 15 del S.Maria. Il loro obiettivo è denunciare l'utilizzo improprio degli stabili e compiere un atto simbolico per rivendicare il diritto all'abitare.
21 novembre
circa 300 poliziotti in tenuta antisommossa si predispongono a sgomberare i padiglioni 11 e 15. Nell'ordine anche i padiglioni 25 (occupato 6 anni prima) ed il padiglione 31, ma la Questura sembra intenzionata a rinviare lo sgombero di questi ultimi 2.
Dopo una lunga trattativa, gli occupanti accettano di lasciare i 2 padiglioni. Il Comune li prenderà in carico ma, nel frattempo, una parte di essi saranno "ospitati" nel padiglione 19, non ristrutturato, senza finestre, pieno di sporcizia, senza acqua né luce. La Ex Lavanderia ospita le donne, i bambini e le persone malate e fornisce con un cavo l'elettricità al padiglione 19.
24 novembre
Mentre si conclude il trasferimento delle famiglie dal Pad. 19, la ASL, inventando un guasto inesistente stacca l'energia elettrica al Padiglione 31. La corrente sarà riattaccata il 12 maggio 2005.
22 dicembre
Mentre la ASL tenta di impedire le iniziative serali al Padiglione 31 chiudendo i cancelli del parco alle 18, un'Assemblea al lume di candela elabora lo Statuto e fonda l'Associazione Ex Lavanderia

2005

7 febbraio
Il Consiglio Comunale approva una Mozione votata da TUTTI i gruppi del CentroSinistra. vi sono alcuni impegni ben chiari: contrastare la sanitarizzazione, operare per la legalizzazione della Ex Lavanderia, discutere la Delibera di Iniziativa Popolare (SIC). NESSUNO di questi impegni è mai stato rispettato.
1 marzo
Piero Marrazzo, candidato Presidente alla Regione Lazio, all'interno del Padiglione 31, di fronte a 200 cittadini, dichiara i suoi impegni sulla questione del S.Maria della Pietà. Sul sito ufficiale di Marrazzo che fa il resoconto della giornata: " La destra o vuole vendere o vuole stabilirci uffici e strutture sanitarie. Il centrosinistra vuole costruire un polo civico multifunzionale con biblioteche, museo, ostello e molto altro"
5 aprile
Viene eletto Presidente della Regione Piero Marrazzo con il 50,7 %. A settembere viene nominato il nuovo Direttore Sanitario della ASL RME, Piero Grasso. Nell'autunno, la ASL reinizia a chiudere i cancelli e tentare di impedire le iniziative culturali della Ex Lavanderia
12-13-14 maggio
Centinaia di persone partecipano all'iniziativa per l'anniversario dell'approvazione della Legge Basaglia. Fino a poche ore prima dell'inizio, la ASL RME tenta di impedire l'accesso al palco ed alle strutture per l'iniziativa
giugno/settembre
Estate al Parco: decine di iniziative musicali, teatrali e cinematografiche al Parco del S.Maria, nonostatnte l'ostracismo della ASL RME
Ottobre
1° anniversario della Ex Lavanderia

2006

28 gennaio
Corteo promosso dalla Ex Lavanderia.
febbraio
Nasce il progetto: "Techné- Libera Esposizione mensile delle arti"
maggio
Iniziative per l'anniversario della Legge Basaglia, nasce il progetto "caffetteria Tatawelo"
giugno-settembre     
Estate al parco
1 luglio
Aggressione di matrice fascista durante un concerto. circa 40 persone con il viso coperto si apprestano ad entrare nel parco dove è in corso un festival reggae con circa 300 persone. I Vigilantes all'ingresso riescono a chiudere i cancelli. Gli aggressori danno fuoco alle auto parcheggiate, lanciano bombe carta e tondini di ferro.
La ASL RME chiede lo sgombero della Ex Lavanderia per motivi di ordine pubblico.
ottobre-dicembre     
L'Associazione Ex Lavanderia accetta la trattativa con il Comune di Roma relativamente al protocollo di Intesa da realizzare sul S.Maria della Pietà rendendola pubblica e trasparente. Dopo 2 assemblee pubbliche e numerose trattative, viene elaborata dall'Assessore Morassut una bozza di Protocollo che prevede: un percorso partecipativo, la riduzione dell'ipotesi universitaria a 16.000 mq, il ripristino degli ostelli, la riduzione significativa della presenza sanitaria ed una parte significativa ad uso pubblico e culturale. L'Associazione Ex Lavanderia ed altre associazioni esprimono pubblicamente un parere positivo sulla proposta di Morassut.

2007

febbraio-marzo
Viene alla luce una nuova bozza di Protocollo di Intesa che modifica totalmente la precedente. In particolare si definiscono esattamente quali e quanti padiglioni destinare agli enti firmatari. Ne emerge una prevalenza di uso sanitario ed una pressoché assenza di uso culturale. Solo il Padiglione 31 viene indicato, infatti, a tal fine.
I partiti della "sinistra" che si erano fatti promotori della trattativa, di fronte al voltafaccia di Morassut, non solo non si oppongono, ma nelle giunte comunale e regionale esprimono il loro parere favorevole
18 aprile
Viene presentato pubblicamente il Protocollo di Intesa sul S.Maria della Pietà. I principali giornali spacciano le veline degli assessori (Morassut, Pomponi, Battaglia) che parlano di "cultura e giovani al S.Maria della Pietà"
La realtà è uno spezzatino di funzioni a prevalenza sanitaria, sanitaria-residenziale e psichiatrica. Né più né meno dell'obiettivo che si era posto Storace.
31 aprile
Corteo promosso dalla Ex Lavanderia. Centinaia di persone contro il Protocollo di Intesa, nonostante il tentativo di isolare politicamente l'Associazione Ex Lavanderia
maggio     
3° edizione delle giornate Basagliane. Il Presidente del Municipio, insieme alla ASL RME organizza un evento analogo alla Biblioteca Borromeo per contrastare l'iniziativa della Ex Lavanderia. All'iniziativa "istituzionale" partecipano 18 persone oratori compresi
giugno-settembre     Estate al Parco 3
11 dicembre
Il Municipio 19 organizza la prima (ed unica) assemblea che dovrebbe rappresentare il percorso partecipato sull'utilizzo del S.Maria della Pietà. Sono presenti il Presidente del Municipio Lazzara, l'Assessore Regionale Battaglia, gli Assessori del Comune Morassut e Pomponi. Il publico è composto da circa 200 persone. Gli asessori affermano che il percorso è tutto da farsi, che nulla è deciso. L'intervento della Ex Lavanderia applaudito da tutta l'assemblea dimostra con i fatti che non è così, che la ASL ha già collocato strutture psichiatriche, residenziali ed ospedaliere nel 60% del comprensorio e che il percorso partecipativo dichiarato è in realtà un imbroglio. Tutti gli interventi del pubblico contestano gli assessori. Al tentativo di replica, 3/4 del pubblico abbandona la sala, l'Assessore Pomponi (PRC) viene contestato platealmente dal circolo locale di Rifondazione.
Nonostante questo, Lazzara, Pomponi e Morassut dichiarano ai giornali che: l'assemblea è stata un successo, il percorso partecipativo puo' dirsi concluso e che il protocollo recepisce le proposte dei cittadini.

2008

10 marzo
In un convegno affollatissimo alla sala della Comunità di S.Paolo ad Ostiense, nasce la Rete Romana di Mutuo Soccorso che raccoglie decine di Comitati di quartiere e di associazioni locali
aprile
Viene inaugurato il progetto "Ciclofficina"
giugno
Inizia il primo processo (di 2 identici) contro alcune persone accusate su denuncia ASL di aver occupato abusivamente il Padiglione 31. Il Direttore Grasso costituisce la ASL Parte civile con la richiesta di 100.000 euro di danni.
luglio
L'Associazione Ex Lavanderia vince il Bando per l'Estate Romana al Parco del S.Maria della Pietà, proponendo una festa di 10 giorni per ricordare il trentennale della Legge basaglia.
24 luglio
Si scioglie a 6 ore dall'inizio la questione dell'autorizzazione ASL RME al Comune di Roma per l'Estate Romana. Paradossale ma vero, il Direttore della ASL nominato da Marrazzo fa di tutto per impedire la celebrazione della Legge Basaglia. Di fatto, il Muncipio di Centro Destra fa di tutto perché si realizzi...
25 luglio/3 agosto
Circa 1500 persone partecipano alla "Festa della Memoria" che prevede dibattiti, mostre, video e 20 spettacoli tra concerti e rappresentazioni teatrali. Il finanziamento comunale è irrisorio rispetto ad un evento reso possibile dalla disponibilità dei musicisti e degli attori, dal lavoro volontario ed dalle strutture acquisite in 4 anni di attività.
4 dicembre
Consiglio Municipale aperto all'interno del Padiglione 31. Oltre ai Consiglieri ci sono oltre 100 persone. Ancora una volta tutti gli interventi sono critici sull'operato delle istituzioni e chiedono l'assegnazione del Padiglione 31 all'Associazione Ex Lavanderia. Ancora una volta la "partecipazione" è solo una facciata. Alla fine, il Consiglio, non approva l'ordine del giorno presentato e votato solo dal Consigliere di Rifondazione.

2009

28 febbraio
Conferenza Urbanistica Cittadina alla Fiera di Roma. Oltre ai Comitati della Rete di Mutuo Soccorso, i movimenti di lotta per la casa, esperienze di lotta per la difesa dei beni comuni e dei diritti sociali si incontrano per discutere di un'altra città a partire dai territori e dalle esperienze materiali di resistenza e di progettualità dal basso
10 marzo     
La Corte d'Appello di Roma assolve gli imputati al primo processo per occupazione abusiva del Padiglione 31. Il secondo processo si apreil 19 maggio e finisce anch'esso in assoluzione.

2010

Febbraio
Poco prima della fine della legislatura, in una memoria redatta dagli assessori regionali Nieri e Montino, si assicura la formalizzazione delle esperienzi presenti al Padiglione 31 (Ex Lavanderia) e 41 (Coop. Integrata). L'Associazione Ex Lavanderia risponde con un Comunicato in cui chiede atti formali e concreti.

29 marzo 2010

Le Elezioni municipali sanciscono la vittoria di Renata Polverini alla Presidenza della Regione Lazio.
Ovviamente la memoria di Giunta (Nieri-Montino) non è mai stata trasformata in atti formali.

17 maggio 2010

Un Comunicato stampa dell'Associazione Ex Lavanderia rivela la decisione del CdA della Sapienza di rinunciare definitivamente all'acquisto degli 8 padiglioni previsti dal Protocollo del 2007.
Cade definitivamente l'imbroglio universitario.
Ne nasce una polemica riportata dai giornali (che ignorano il comunicato dell'Associazione).
Il Rettore spiega di aver rinunciato all'acquisto dei padiglioni perché questi non sono mai stati liberati dalla ASL RME come promesso più volte.
L'utilizzo del termine "occupati" da parte del Rettore dà il pretesto all'Ex Assessore Montino per tentare di stravolgere la verità e di far passare la falsa notizia che sia la presenza della Ex Lavanderia ad aver impedito la realizzazione dell'Università.

29 maggio 2010

Dopo giorni di polemiche in cui la sortita di Montino viene usata a pretesto da esponenti del Centrodestra per invocare lo "sgombero" del PAdiglione 31, l'Associazione organizza una Conferenza Stampa di fronte alla redazione di Repubblica dal titolo: "sono 15 anni che rigirano frittate".
La Conferenza servirà a ricacciare indietro il tentativo di Montino e del PD di scaricare una propria responsabilità sull'Associazione Ex Lavanderia.
Il PD stesso lancia una petizione per l'Università al S.Maria. L'Associazione accusa il PD di "ipocrisia" poiché è stata proprio la sua gestione di ASL e Regione ad aver offerto al Rettore il pretesto per rinunciare ad un progetto del quale comunque non aveva mai mostrato reale interesse.

settembre 2010

Che nessuno credesse nel progetto universitario è attestato dall'inizio dei lavori durante l'estate e nella promozione all'inizio dell'autunno di un Asilo Nido privato gestito da una s.r.l. nel Padiglione 28 (mensa) quello si destinato dal Protocollo all'Università.
Il Comunicato stampa dell'Associazione Ex lavanderia accanto alla presa di posizione di alcuni esponenti politici determina la chiusura di un servizio privato illegale in un padiglione pubblico.

maggio-giugno 2011

grazie al lavoro volontario ed ai contributi delle compagnie teatrali e dei laboratori viene ristrutturata la sala teatrale al piano superiore del Padiglione 31 realizzando una pedana in legno, quinte e sistema audio. Contemporaneamente viene avviata la risistemazione della vecchia balera collocata nel parco allo scopo di renderla di nuovo utilizzabile al pubblico.

Luglio 2011

Mentre nessuno parla più del destino dell'Ex Manicomio, l'Associazione Ex Lavanderia promuove il Festival di teatro Linea35 che risulta essere uno degli eventi culturali più significativi dell'estate con 35 spettacoli, il corteo con la macchina teatrale Marco Cavallo realizzata nel '75 nel manicomio di Trieste, il convegno sugli OpG con la presenza del relatore della Commissione parlamentare sulla sanità, la presenza di circa 2000 spettatori. Ancora la ASL tenta di creare problemi negando l'uso del parco.
Nella preparazione di Linea35 è compresa una significativa pulizia e risistemazione di varie aree del parco lasciate in abbandono.

gennaio 2012

viene cancellato dalla Regione il progetto di realizzazione della casa dello studente in 4 padiglioni. E' l'ultima operra prevista dal Protocollo del 2007 ad essere definitivamente accantonata. L'Associazione Ex Lavanderia rilancia la proposta di realizzare l'Ostello della Gioventù, sostenuta da associazioni ambientaliste e legate al turismo giovanile.

 

.... la resistenza continua...

 

Orario apertura attività

-Ufficio-
Lunedì, Mercoledì e Giovedì dalle 15:00 alle 19:00
Tel.: 3914963020
-Caffetteria Tatawelo-
Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 17:30
Sabato dalle 10:00 alle 17:30
-Banca del tempo-
Martedì e mercoledì dalle 10.00 alle 12.30
-Cartapesta-
Sospensione estiva
-Ciclofficina Popolare-
Sabato dalle 10:00 alle 14:00
-Danze Popolari-
Sabato dalle 15:00 alle 17:00
Domenica dalle 10:00 alle 12:00
-Hata e Vinyasa Yoga-
Martedì 17:30-18:30
-La Marinera-
Mercoledì dalle 17.00 alle 20.00
Sabato dalle 10.00 alle 13.00

-Meditazione-
Mercoledì dalle 19:00 alle 21:00
-Movimento integrato-
Lunedì dalle 20.30 alle 21.45
-Percussioni e ritmi brasiliani-
Martedì 21:00-23:00 (orchestra)
Mercoledì 21:-23:00 (laboratorio)


Sportello Banca del tempo

Umane scintille

Grande Corteo di Carnevale 2019

Basaglia 1978/2018 - 40 anni di R-Esistenza

Giornate Basagliane
40° anniversario della Legge Basaglia:
4 giorni di dibattiti, spettacoli, musica e film.

Manifestazione al Campidoglio

Sabato 06 Ottobre 2018
ore 17:00
P.zza del Campidoglio

3 Appelli per il S. M. della Pietà

Per fermare il Protocollo tra Regione, Comune, Città Metropolitana e Asl Rm1:

Appello delle realtà
che si occupano
di salute mentale

Appello degli urbanisti

Appello degli artisti
e delle realtà culturali

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter