Vertenza S. M. della Pietà

Campagna "Si Può Fare"

Per il riuso
pubblico, sociale
e culturale
dell'ex manicomio di Roma

Consulta Cittadina

articolo21Articolo 21
Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

milioni30 maggio 2012

Comunicato Stampa:
Agli attacchi rispondiamo con la mobilitazione civile:


Oggi sul Tempo, in un articolo a firma Erica Dellapasqua, si denuncia lo stato di abbandono del Parco del S.Maria della Pietà.
Ciò che emerge dall'articolo è, ancora una volta, una descrizione della realtà distorta e falsificante.
L'incuria delle istituzioni, da chiunque amministrate, ha prodotto il fallimento di ogni progetto di riutilizzo, l'abbandono del Parco, l'uso distorto del patrimonio pubblico.
Per non assumesi le proprie responsabilità, i politici, non trovano di meglio che attaccare l'esperienza culturale pubblica della Ex Lavanderia.
Questa volta è il turno del Presidente del Municipio Milioni che invoca lo sgombero del Padiglione 31.
Come sempre rispondiamo che l'Associazione Ex Lavanderia è l'unica esperienza al S.Maria della Pietà che opera nel rispetto delle destinazioni d'uso promuovendo senza finanziamenti pubblici quelle attività sociali e culturali che le istituzioni non hanno la capacità di garantire.
Rilanciamo la difesa del Parco e la rivendicazione di un utilizzo dell'Ex Manicomio che rispetti le regole (a partire dalle destinazioni d'uso e dal dovere della pianificazione partecipata) e che accolga le istanze presentate negli anni da cittadini ed associazioni.

Per questo, di fronte all'incapacità delle istituzioni responsabili di prendersi cura del Parco, lanciamo una giornata di pulizia e manutenzione straordinaria del Parco del S.Maria della Pietà per il giorno 24 giugno 2012 dalle 10 alle 19. invitiamo cittadini e associazioni a partecipare.

Un atto concreto per rilanciare i nostri obiettivi:

1- realizzazione dell'Ostello della Gioventù nei padiglioni ristrutturati per questo nel 2000
2- progetto partecipato di uso culturale dei padiglioni destinati al fallito progetto universitario
3- pedonalizzazione del Parco e realizzazione della navetta elettrica
4- preservazione della proprietà pubblica dell'area esterna e progetto di riqualificazione senza nuove edificazioni cosi come previsto dal Piano Regolatore
5- uso non psichiatrico dei padiglioni in osservanza della Legge 180
6- regolarizzazione delle esperienze attive nei padiglioni 31 e 41 (cooperativa integrata)

Caffetteria Tatawelo

Sportello Banca del tempo

Sportello Spazio Donna

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter