Sabato 23 Maggio 2020

Diceva Franco Basaglia che "per poter affrontare la malattia psichiatrica sarebbe importante incontrarla fuori dalle istituzioni, intendendo con ciò non solo dall’istituzione psichiatrica, ma fuori da ogni altra istituzione la cui funzione è di etichettare, codificare e fissare in luoghi congelati coloro che vi appartengono”.

Ecco, sembrerà assurdo, ma forse la pandemia da Covid-19 ci sta portando a sperimentare proprio questo imponendoci di assumere tutta una serie di comportamenti che fino a pochi mesi fa avremmo etichettato "malati".

Il Collettivo si è interrogato sulle forme e le caratterizzazioni di vari DOC e sindromi che sono state utilizzate in questi mesi per arginare il diffondersi della pandemia: dalla germofobia (con il suo ossessivo lavaggio di mani) alla fobia sociale così strettamente legata alla sindrome di Hikikomori che porta giovani e meno giovani a chiudersi in casa sostituendo con lo schermo di un computer le relazioni sociali, all'afefobia (con il suo costante tentativo di evitare ogni contatto fisico)...

Ne è nata una mostra, curata da Dafne Crocella, che a partire da sabato 23 maggio sarà visibile negli spazi espositivi dell'ex lavanderia del Santa Maria della Pietà, ma anche online attraverso un video sul canale YouTube dell'ex lavanderia e sulle pagine di ArtPlatform.it

L'inaugurazione prevederà un ingresso contingentato per assicurarci di mantenere tutti i comportamenti doc richiesti dal momento!

ARTISTI IN MOSTRA

Alessia Pagnotti
Angela Scaramuzzi
Antonella Fiorillo
Francesca Cantiani
Francesca Coccurello
Gianluca Emanuele Varano
Lola Poleggi
Maurizio Bentivoglio
Mirella Rossomando
Nina Razzaboni
wea_0style