Vertenza S. M. della Pietà

Campagna "Si Può Fare"

Per il riuso
pubblico, sociale
e culturale
dell'ex manicomio di Roma

Consulta Cittadina

Pieta’ per la nazione i cui uomini sono pecore
e i cui pastori sono guide cattive
Pieta’ per la nazione i cui leader sono bugiardi
i cui saggi sono messi a tacere

Read more ...

Domenica 23 febbraio 2020 dalle ore 16:00

Mettere in mostra il rapporto tra identità personale e apparenza all’interno dell’ex manicomio Santa Maria della Pietà, inevitabilmente ci pone davanti all’analisi dell’imposizione dello sguardo uniformante che attraverso il potere istituzionale nomina e definisce.

Il gruppo degli Artisti di Montemario ha per ovvi motivi territoriali un rapporto intimo con gli spazi dell’ex Manicomio e ha trovato nell’ex Lavanderia un luogo di incontro, confronto, lavoro e esposizione.

Per questo il motore che ha mosso i temi di diverse mostre continua a essere legato alla visione manicomiale e al rapporto tra sguardo esterno e percezione personale.

Se con il Carnevale il mondo si capovolge e il potente gioca ad essere servo, il povero diventa re, il bambino diventa vecchio… questo accade perché lo spazio temporale di questa festa lo consente. Il capovolgimento è quindi istituzionalizzato, permesso da un sistema che in questo modo esorcizza il pericolo della messa in discussione del suo potere.

Ma cosa accade quando questo ribaltamento di ruoli viene espresso al di fuori degli spazi del carnevale? Quando in solitudine un individuo sceglie di ridipingere la propria maschera?

“In noi la follia esiste ed è presente come lo è la ragione, diceva Basaglia. Il problema è che la società per dirsi civile dovrebbe accettare tanto la ragione quanto la follia. Invece questa società accetta la follia come parte della ragione e quindi la fa diventare ragione attraverso una scienza che si incarica di eliminarla. Il manicomio ha la sua ragion d’essere nel fatto che fa diventare razionale l’irrazionale. Quando uno è folle e entra in manicomio smette di essere folle per trasformarsi in malato.”

Gli artisti di Montemario mettono in mostra la loro indagine sulle maschere, su quel rapporto che inevitabilmente ci lega alla nostra apparenza, ricordandoci che forse esiste ancora la possibilità di scegliere come dipingere la nostra maschera.

ARTISTI IN MOSTRA

Domenico Portale
Francesca Cantani
Ilaria Sartini
Lola Poleggi
Maurizio Bentivoglio
Mirella Rossomando
Nina Razzaboni
Triana Ariè

Il Vernissage sarà durante la Festa del Carnevale dell'ex Lavanderia, dopo la sfilata in maschera che dalla stazione Monte Mario porterà al santa Maria della Pietà passando per piazza Guadalupe e piazza Thouar.

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Attività nella Fase 2

Per tutte le attività e rispettivi orari di apertura, durante la fase 2 dell'emergenza COVID, fare riferimento a questo articolo

Sportello Banca del tempo

Sportello Spazio Donna

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter