Vertenza S. M. della Pietà

14 anni

Se la "politica"
ci stacca la corrente
noi fcciamo più iniziative!

Senza corrente, libera e pubblica cultura:
2017 Nov - Dic
2018 Gen - Feb - Mar Apr - Mag - Giu - Lug AgoSet - OttNov - Dic
2019 Gen - Feb - Mar

Appello alla cittadinanza

Roma, 6 Marzo 2018

Con questo comunicato cerchiamo di riassumere quello che sta succedendo oggi...
continua a leggere...

malcolmxSe non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono.

Malcom X

Iniziative

Sabato 5 Agosto 2017 dalle ore 21:00
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo

Dopo un mese di iniziative chiude Estate al parco con l'ultima serata della terza edizione di Blues in the park con N.I.N.A. Blues ed una JAM DI MEZZA ESTATE

Blues in the park dal 2012, continua a promuovere appuntamenti nati dalla passione di un gruppo di musicisti dilettanti della capitale, con l'intenzione di creare un ambiente favorevole a tutti coloro che, frequentando il blues in tutte le sue eccezioni, a tutti i livelli (dai professionisti ai dilettanti), per il piacere, l'esigenza, il desiderio di esprimersi in una location dedicata, per il mero piacere di condividere la propria esperienza con gli altri, liberi da condizionamenti di ogni tipo. Da qui anche la scelta del luogo che ospita la manifestazione: l’Associazione Ex Lavanderia, che da tantissimi anni si batte per l’uso pubblico e culturale dell’ex manicomio di Roma Santa Maria della Pietà.

I N.I.N.A. Blues nascono dalla comune passione musicale dei quattro componenti. La formazione minimale: voce, chitarra, basso e batteria, rispecchia lo spitiro essenziale del Blues, loro genere di riferimento. Il repertorio spazia dalle radici al Chicago Blues degli anni '50, strizzando l'occhio al Rhythm 'n' Blues e a brani della scena musicale angloamericana degli anni '60/'70, sempre rivisitati in chiave Blues.

Andrè Solitaire, voce
Giovanni Puoti, basso
Luigi Pignanelli, batteria
Romeo Celardi, chitarra

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Venerdì 28 luglio 2017 ore 21:30

All'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo

Serata di cinema d'autore.

“Solo andata” è un film documentario diretto e prodotto da Fabio Caramaschi che racconta la storia di due giovanissimi fratelli Tuareg nati nel deserto del Niger che si trovano separati dal loro destino di migranti. 
Il più piccolo, Alkassoum, è rimasto bloccato in Africa per anni per problemi di ricongiungimento, mentre il più grande, Sidi, cresceva in Friuli, nel cuore del Nordest industriale italiano con il resto della sua famiglia e la piccola comunità che i Tuareg hanno costituito a Pordenone lavorando come operai nelle fabbriche della zona.
E’ proprio Sidi, armato lui stesso di una telecamera ad accompagnarci alla scoperta della loro condizione sospesa tra il desiderio di integrarsi nella realtà italiana e la nostalgia degli immensi spazi dell’infanzia africana.
Torneranno mai alle antiche tradizioni nomadi e carovaniere dei Tuareg?
Riuscirà il piccolo Alkassoum a raggiungere l’Italia, dove sembra che tutti siano felici?

Regia: Fabio Caramaschi
Anno di produzione: 2010
Durata: 52'
Tipologia: documentario
Genere: sociale
Paese: Italia
Produzione: Faction Film, Transmedia
Distributore: n.d.
Data di uscita: 
Titolo originale: Solo Andata, il Viaggio di un Tuareg
Altri titoli: One Way, A Touareg Journey

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Venerdì 21 Luglio 2017
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo
serata di Cinema d'autore con

Il più grande sogno

GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Michele Vannucci
ATTORI: Mirko Frezza, Alessandro Borghi, Vittorio Viviani, Milena Mancini, Ivana Lotito
PAESE: Italia
DURATA: 97 Min
DISTRIBUZIONE: Kino Produzioni.

A 39 anni Mirko è appena uscito dal carcere: fuori, nella periferia di Roma, lo aspetta un "futuro da riempire", possibilmente in modo onesto. Quando viene eletto a furor di popolo Presidente del comitato di quartiere, decide di sognare un'esistenza diversa. Non solo per sé e per la propria famiglia, ma per tutta la borgata in cui vive. Il più grande sogno di Mirko però è difficile da mettere in pratica, specie se tuo padre è un piccolo criminale. Il rapporto con le figlie è tutto da costruire e il passato è una porta sempre troppo facile da riaprire. Questo film racconta di un "bandito" che si inventa custode di una felicità che neanche lui sa bene come raggiungere. E' la storia di un sogno fragile e irrazionale, capace di regalare un futuro a chi non credeva di meritarsi neanche un presente.

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Giovedì 20 Luglio 2017
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo
serata di Cinema d'autore

PROGRAMMA DELLA SERATA:

Ore 20.30 CENA SOCIALE
Oer 21.00 proiezione PADIGLIONE 25
alla presenza di Claudia De Michelis (autrice), Massimiliano Carboni (regista), Vincenzo Boatta (protagonista ed ex infermiere presso il S. Maria della Pietà) e Adriano Pallotta (ex Infermiere Santa Maria della Pietà)

Padiglione 25
diario degli infermieri

Film documentario scritto da Massimiliano Carboni e Claudia Demichelis
Direttore della fotografia Aldo Di Marcantonio
Tavole animate di Annalisa Corsi
Musiche originali di Alfredo Ponissi
Voce narrante Giorgio Tirabassi
Regia di Massimiliano Carboni

Con:
Maria Grazia Giannichedda, Pino Antonucci, Stefano Zugaro, Vincenzo Boatta, Tommaso Losavio.

Produzione
Massimiliano Carboni e Claudia Demichelis | Altera Studio
Nell’estate 1975 un gruppo di infermieri dell’istituto manicomiale S. Maria della Pietà di Roma, influenzati dalle idee di Franco Basaglia, decidono di occupare e autogestire uno dei padiglioni del manicomio: il Padiglione 25. Inizia così per gli “ospiti” un lavoro lento e faticoso di reinserimento progressivo nella società, obiettivo finale del progetto è la definiva dimissione dei degenti. Per 12 mesi ogni aspetto della vita del reparto viene annotato dagli infermieri in un diario che testimonia il difficile e quotidiano percorso di liberazione dal regime di segregazione manicomiale. La voce di Giorgio Tirabassi accompagna lo spettatore nella lettura del diario e sono gli stessi infermieri che ripercorrono nelle interviste questa esperienza. La storia del Padiglione 25 è insieme specifica ed emblematica: una storia di pochi che si connette a quella dei molti. Attraverso le testimonianze di chi ha lavorato fianco a fianco con Franco Basaglia, il contributo delle immagini dell'archivio AAMOD e della Fondazione Franco e Franca Basaglia, l'archivio video degli infermieri stessi e infine grazie alle suggestive animazioni di Annalisa Corsi siamo riusciti a fotografare un momento di passaggio importante nella vita di un'Italia che in quegli anni cominciava a liberarsi dai manicomi. La vicenda di Padiglione 25 rappresenta ancora oggi un esempio per chi vuole riflettere sull'attuale condizione di trattamento e cura del disagio psichico.


Web: https://www.youtube.com/watch?v=tW7UQfhfyJI
facebook.com/padiglione25
massimilianocarboni.it/progetto-padiglione-25

Patrocini
ROMA Capitale Municipio 14 - Comune CIVITAVECCHIA Assessorato alla Cultura - Fondazione Franco e Franca Basaglia - CGIL - AAMOD Archivio Audiovisivo Movimento Operaio e Democratico - Associazione PRIMA - Associazione ANTRHOPOLIS - Associazione A.RE.SAM - Cooperatica IL GRANDE CARRO

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Mercoledì 18 Luglio 2017
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo
serata di Cinema d'autore con

LARGO BARACCHE
regia di Gaetano Di Vaio documentario - 70 min. - Italia 2014
film vincitore del Festival di Roma


Nei meandri di una Napoli decadente sorge Largo Baracche, cuore pulsante dei Quartieri Spagnoli. Nell'incrocio di questi antichi vicoli, il regista Gaetano Di Vaio scruta e segue le vite dissestate di sette ragazzi: Carmine, Gianni, Mariano, Giuseppe, Luca, Gennaro e Antonio. Insieme, i sette formano una "batteria", un gruppo, per affrontare insieme difficoltà, disillusioni, pregiudizi e contrastare quella malavita che distrugge e opprime la città e il paese intero.Il produttore, attore e regista Gaetano Di Vaio, insiste sulla sua Napoli. Con una camera leggera, per lo più tenuta a mano, per strada e in pochi interni, filma sette ragazzi dei Quartieri Spagnoli. La storia personale di Di Vaio è il passepartout per ottenere da loro la fiducia,per farsi raccontare la violenza che hanno visto e respirato fin dalla nascita, ma soprattutto le loro aspirazioni al cambiamento.

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Sportello Banca del tempo

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter