Vertenza S. M. della Pietà

14 anni

Se la "politica"
ci stacca la corrente
noi fcciamo più iniziative!

Senza corrente, libera e pubblica cultura:
2017 Nov - Dic
2018 Gen - Feb - Mar Apr - Mag - Giu - Lug AgoSet - OttNov - Dic
2019 Gen - Feb - Mar

Appello alla cittadinanza

Roma, 6 Marzo 2018

Con questo comunicato cerchiamo di riassumere quello che sta succedendo oggi...
continua a leggere...

"E senza dubbio il nostro tempo... preferisce l'immagine alla cosa, la copia all'originale, la rappresentazione alla realtà, l'apparenza all'essere...

Read more ...

Iniziative

Martedì 18 Luglio 2017 dalle ore 21:00
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo
serata di CInema d'autore

Carcere minorile. Daphne, detenuta per rapina, si innamora di Josh, anche lui giovane rapinatore. In carcere i maschi e le femmine non si possono incontrare e l'amore è vietato: la relazione di Daphne e Josh vive solo di sguardi da una cella all’altra, brevi conversazioni attraverso le sbarre e lettere clandestine. Il carcere non è più solo privazione della libertà ma diventa anche mancanza d'amore. FIORE è il racconto del desiderio d'amore di una ragazza adolescente e della forza di un sentimento che infrange ogni legge.

REGIA: Claudio Giovannesi
ATTORI: Daphne Scoccia, Josciua Algeri, Valerio Mastandrea, Gessica Giulianelli
SCENEGGIATURA: Claudio Giovannesi
PRODUZIONE: Pupkin Production e IBC Movie con Rai Cinema
DISTRIBUZIONE: Bim Distribuzione
PAESE: Italia
DURATA: 110 Min

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Sabato 22 Luglio 2017 dalle ore 20:30
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo

PROGRAMMA DELLA SERATA:
Ore 20.30 CENA SOCIALE
Dalle 21.30 BLUES IN THE PARK con Gaty Johnes Band e Fabi's blues band

GATY JOHNES BAND
Guarnieri Gaetano voce e chitarra
Sagarese Francesco chitarra
Cardito Maurizio basso elettrico
Sagarese Antonio batteria
La band nasce dall’amore per la musica del diavolo e sue derivazioni tipo funk e rock. Il repertorio spazia da Stavie Ray Vaughan, Clapton, Keb mo, Bonamassa, Bb king, Buddy Gay etc...

FABI'S BLUES BAND
Fabiana Testa - chitarra
Sara Facciolo - voce
Daniele Raggi - chitarra
Damir Rapone - basso
Manuele di Ascenzo – batteria
La band nasce nel 2014 da un'idea di Fabiana Testa di riproporre un repertorio di classici blues con una nuova veste affiancandoli a nuove proposte del panorama americano. Dal 2016 la band sta lavorando al primo disco di inediti anticipato dal singolo Les Nuits Blanches. Ha partecipato a diversi festival blues ed è molto attiva nel centro Italia.
 
Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Venerdì 14 luglio 2017
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo

CINEMA D’AUTORE E DI PERIFERIA
SAMSARA DIARY
Regista: Ramchandra Pace
Autore: Ramchandra Pace
Direttore della fotografia: Fabio Caramaschi
Montatore: Silvia Caracciolo
Musiche: Marcello Malvica
Società di produzione: Ramchandra Pace


Ram è cresciuto nella comune hippie del padre a Roma e ha vissuto in una realtà alternativa e idilliaca fino all’età di 16 anni quando suo padre Alessandro si è ritirato sull’Himalaya per divenire un Nath. Un monaco degli spiriti. Quasi venti anni dopo Ram sta per diventare padre, Alessandro è tornato a Roma col nome di Krishna Nath e la comune sta per trasformarsi nel Kalimandir, il più grande tempio dedicato alla Dea Kali in Italia. Attraverso super 8 e documenti originali sulla permanenza del padre in India, l'autore ripercorre la storia della sua famiglia e di una generazione che ha portato alle estreme conseguenze la ricerca della libertà.

Domenica 6 Luglio 2017
all'interno di Estate al parco 13 #noinoncispegniamo

dalle 18.30 BARATTIAMO
“la giornata del baratto”
ore 20.00 CONVERSAZIONE CON PROF. UMBERTO BIELLI SU ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE
ore 20.30 CENA SOCIALE SALUTARE
ore 21.00 a grande richeista KIRIKU E LA STREGA KARABA
Porta con te uno più o più oggetti che non usi più, ma ancora in buone condizioni (libri, dvd, vestiti ecc.…) e scegli fra gli oggetti esposti quello che fa per te.
L'obbiettivo è quello di promuovere la cultura del baratto.
Rimettere in circolo gli oggetti sottraendoli alla loro prematura classificazione in rifiuti, questo
ci permetterà di abbandonare la formula dell'
“usa e getta” impostataci dal consumismo e di renderci sempre meno schiavi del denaro!

ORE 20.00
CONCERSAZIONE CON PROF. UMBERTO BIELLI
FILO ALIMENTAZIONE PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE
FILO-ALIMENTAZIONE è un metodo per poter gestire in maniera consapevole le nostre conoscenze in fatto di alimentazione.
Non è una dieta, non è un trattato scientifico né filosofico, è un dialogo aperto sull'alimentazione, sulla filosofia, una strada per conoscere in modo chiaro, semplice e concreto un aspetto fondamentale della nostra vita per riuscire ad ottenere cosa? CONSAPEVOLEZZA.
La filosofia può aiutarci, come? Per fornire una risposta a questa domanda bisogna partire da un assunto: siamo tutti diversi. Diversi per religione, per paese di provenienza, per cultura, abbiamo idee e concetti diversi, sia per quanto riguarda i concetti più alti che quelli più ordinari come appunto l'alimentazione. Spesso, la nostra alimentazione è lo specchio della nostra vita, sono le nostre origini, sono le nostre abitudini e queste nostre diversità oggi ci stanno dividendo.

ORE 21.OO
KIRIKU E LA STREGA KARABA'
Kirikù e la strega Karabà (Kirikou et la sorcière) è un lungometraggio d'animazione del 1998, scritto e diretto da Michel Ocelot.
Basato su un racconto folkloristico dell'Africa occidentale, il film racconta di un bambino che combatte e libera il suo villaggio da una strega.
In un villaggio africano dove sono rimasti solo vecchi, donne e bambini, nasce Kirikù, un bambino prodigioso, che taglia da solo il cordone ombelicale della madre e fin dai primi istanti di vita è totalmente autonomo, in grado di parlare, di camminare e di badare a sé stesso. Kirikù viene presto a sapere dalla madre che il villaggio è vessato dalla strega Karabà, che ha sottratto l'acqua dalla fonte del paese ed ha ucciso e sbranato tutti gli uomini del villaggio, che hanno tentato di affrontarla. Kirikù decide allora di combattere la strega. Tra l'incredulità e la diffidenza generale, al contrario della fiducia, peraltro meritata, della mamma, il piccolo eroe riuscirà a sventare i piani della strega: restituirà l'acqua alla tribù una volta compreso perché la fonte e libererà le persone che la donna rapisce.Nelle sue imprese Kirikù è assillato da un dubbio a cui nessuno sa dare una soluzione: il motivo per cui la strega sia così cattiva. Per trovare la risposta dovrà affrontare l'impresa più ardua, recarsi dal Saggio della Montagna, suo nonno, evitando il controllo dei feticci di Karabà, e per farlo deve scavarsi una galleria sotto la casa della strega. Quando, superati numerosi ostacoli, si trova alla presenza del nonno, egli gli svela il mistero: Karabà soffre a causa di una spina avvelenata che le è stata conficcata nella schiena, che non riesce a togliere e non vuole togliere, perché ritiene che togliendola perderebbe i poteri magici e proverebbe nuovamente il dolore atroce che ha già patito una volta. Kirikù, tuttavia, è deciso a liberarla e lo farà; in cambio otterrà di crescere anche fisicamente - dopo che è nato già mentalmente adulto – e sposerà Karabà; la donna peraltro, senza più la spina, ha cessato di soffrire, per cui è diventata buona e gentile, ha mantenuto alcuni poteri e ha liberato gli uomini del villaggio, che in realtà non mangiava né uccideva ma semplicemente tramutava in feticci.

Invita i tuoi contatti all'evento su Facebook

Sportello Banca del tempo

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter