Vertenza S. M. della Pietà

14 anni

Se la "politica"
ci stacca la corrente
noi fcciamo più iniziative!

Senza corrente, libera e pubblica cultura:
2017 Nov - Dic
2018 Gen - Feb - Mar Apr - Mag - Giu - Lug AgoSet - OttNov - Dic
2019 Gen - Feb - Mar

Appello alla cittadinanza

Roma, 6 Marzo 2018

Con questo comunicato cerchiamo di riassumere quello che sta succedendo oggi...
continua a leggere...

gianni

"intendo per "passione" la capacità di resistenza e di rivolta; l'intransigenza nel rifiuto del fariseismo, comunque mascherato; la volontà di azione e di dedizione; il coraggio di "sognare in grande”; Read more ...

{youtube}IEJcT8d4-xk{/youtube}

Per una Libera e Pubblica Cultura, solidarietà alle lavoratrici ed ai lavoratori che hanno occupato oggi il Teatro Valle.

ANCHE LA CULTURA E' UN BENE COMUNE!!

Associazione Ex Lavanderia

Di seguito l’appello dei lavoratori e lavoratrici dello spettacolo

Appello:
Occupiamo il Teatro Valle per occuparci di ciò che è nostro.
È nostro come cittadini e come lavoratori dello spettacolo, della cultura e dell’arte.

Come cittadini vogliamo difendere il patrimonio artistico del Paese. Le politiche governative stanno dismettendo una
funzione essenziale che la Costituzione Italiana assegna allo Stato: la promozione e la tutela dei Beni Culturali.

 

Come lavoratori dello spettacolo, della cultura e dell’arte vogliamo essere riconosciuti come interlocutori indispensabili
nelle scelte politiche che riguardano il nostro settore, il nostro lavoro, la nostra vita.

Luoghi che dovrebbero essere destinati alla creatività e all’innovazione, dal Teatro Valle a CineCittà, hanno perso
negli anni la loro identità fino ad essere completamente smantellati o privatizzati. Sempre più la gestione delle risorse
comuni è inghiottita da meccanismi lobbistici e corporativi, in una logica da supermercato culturale.

Uomini e donne, impegnati nel mondo della cultura e dell’arte, assistono ogni giorno al ridursi degli spazi e delle
risorse necessari per continuare a svolgere con dignità il proprio lavoro.

Mobilitiamoci:

* Perché il Teatro Valle venga realmente destinato all’innovazione artistica con un respiro nazionale e internazionale
secondo la sua naturale vocazione, attraverso un progetto di assegnazione pubblico, trasparente e partecipato.

* Per chiedere con forza un’assunzione di responsabilità da parte del soggetto pubblico e una ridistribuzione delle
risorse più equa e trasparente.

* Per la tutela dei lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura attraverso un sistema sociale adeguato che
garantisca la continuità dei diritti nella discontinuità d’impiego, come nel resto d’Europa.

* Per proporre una nuova progettualità nella gestione dei Beni Culturali, che sostenga l’accesso alla cultura e ai
saperi, la produzione libera e indipendente, la sperimentazione, la formazione permanente, la qualità, i giovani talenti.

Lanciamo un appello a tutti i singoli lavoratori dello spettacolo, del cinema, del teatro, della danza, tecnici, maestranze,
artisti, operatori, stabili/precari/intermittenti, alle compagnie, agli spazi di produzione indipendenti. È tempo di
rivendicare con forza che il nostro è un settore vivo, che produce eccellenze e risorse economiche.

Chiediamo a tutti i cittadini, a tutti coloro che amano la cultura, che hanno attraversato il Teatro Valle come spettatori e
che sentono che i cinema, i teatri, i musei sono parte irrinunciabile della loro vita e della loro storia di unirsi a noi in questa battaglia.

È per far crescere un’altra concezione della vita e dell’arte, quella che mettiamo in scena quotidianamente, che vi
chiediamo di scendere al Valle.


Lavoratrici e Lavoratori dello spettacolo

Sportello Banca del tempo

Canale video

Pagina Facebook

Profilo Tweetter